ALLA SCOPERTA DELLE SALINE

  • Saline Ettore e Infersa
  • Saline Ettore e Infersa
  • Saline Ettore e Infersa
  • Saline Ettore e Infersa
  • Saline Ettore e Infersa
  • Saline Ettore e Infersa
  • Saline Ettore e Infersa
  • Saline Ettore e Infersa
  • Saline Ettore e Infersa

ALLA SCOPERTA DELLE SALINE

Un luogo suggestivo, dove la “cultura del sale
ha plasmato il territorio nel solco di una tradizione
pluri-secolare, tramandata da generazioni.

Il sale marino, nella tradizione di questo lembo di Sicilia, viene ottenuto per evaporazione dell’acqua di mare, secondo un semplice ed ingegnoso metodo di “distillazione frazionata” artigianale, che consente di esaltarne le qualità positive ed al contempo eliminare i composti indesiderati come il solfato di calcio o gesso.

Il sale, privato del gesso che è precipitato nelle vasche precedenti, quando viene raccolto nelle vasche salanti, le ultime del ciclo, è composto per oltre il 99% da cloruro di sodio. Ma è proprio l’1% residuo, costituito principalmente da cloruro di magnesio e, in misura inferiore, da potassio, fluoro, fosforo, bromo, sali di iodio, etc. che costituisce la ricchezza del sale marino dal punto di vista alimentare.

Nelle regioni costiere, dove lo iodio è assunto anche nella respirazione dell’”aria di mare” o nei cibi, il normale consumo di sale marino consente di raggiungere la “dose” di iodio sufficiente a prevenire le affezioni tiroidee. Ma anche tra i sali marini “c’è sale e sale”.

Il sale marino prodotto nelle nostre saline non perde facilmente il suo contenuto di magnesio. Una caratteristica “segreta” che i norvegesi attribuivano al modo di “far sale” di questa zona. Il nostro sale raggiunge il massimo delle sue proprietà qualitative nel “sale integrale” (estratto manualmente), che mantiene intatte le sue proprietà organolettiche.

Le vasche

La vasca più grande è la “fridda”, separata dal mare dalla diga esterna (in gergo “traversa” a mare). Viene alimentata direttamente dal mare, tramite i “purtedda d’ammare”, piccole chiuse che vengono aperte con l’alta marea. Le “fridde”, che sono anche delle ottime vasche di coltura per il “pesce di salina, sono collegate con il “vaso di coltivo”, una vasca di evaporazione e distribuzione, il cui livello è superiore a quello di tutte le altre.

Da essa l’acqua viene prelevata attraverso una serie di canali che la distribuiscono verso il cuore produttivo della salina, le “caure” o vasche evaporanti. Sono vasche poco profonde distribuite in gruppi di 4 vasche in serie. Ogni unità di questo genere alimenta in generale due vasche salanti, le vasche più vicine all’argine esterno, dove materialmente si produrrà la crosta di sale.

L’ultima vasca caura di ogni serie, detta sentina, è quella che alimenta le vasche salanti, con l’operazione che durante tutta l’estate si ripete ogni due-tre giorni e viene detta “sirvuta” (servita).

Visita del mulino d’Infersa, completamente restaurato e funzionante

approfondisci >

Passeggiata guidata in Salina, tra argini, muretti e tegole

approfondisci >

Indossare gli stivali ed entrare in salina sperimentando la raccolta del sale

approfondisci >

Sbarcare sull’Isola Lunga per un’esperienza di benessere tra natura e saline

approfondisci >

Assaggiare e degustare il sale marino in modo unico ed originale

approfondisci >

Dormire in salina, affacciarsi dal balcone e godere di una vista mozzafiato

approfondisci >

Info & Booking

In lavorazione

News & Blog

In lavorazione

PhotoGallery

Scopri attraverso la photogallery le immagini più belle delle Saline della Laguna ...

GUARDA LE FOTO